lunedì 20 settembre 2010

Guida a Kaspersky Rescue Disk

Dopo aver discusso del Rescue Cd di Avira ora è il turno di quello della Kaspersky. Anche questo rescue cd pone le basi su un ottimo antivirus e ora vedremo come creare il dispositivo bootabile e come utilizzarlo.
A livello di funzionalità è superiore a quello di Avira infatti permette di esplorare i propri dischi, di navigare tramite un browser internet e salvare comodamente il file di log.





Download e creazione CD/Chiavetta
E’ possibile scaricare l’ISO del cd da qui e sono circa 200MB.
Se vuoi creare solo il cd non ti resta che masterizzare l’ISO, se invece preferisci metterlo su chiavetta oppure metterlo su cd/chiavetta insieme al altre utility vediamo come fare.

2010-09-17_211431
Per metterlo singolarmente su chiavetta è possibile usare il tool, Rescue2usb.exe scaricabile da qui. Lancialo e conferma per installarlo, sarà creata una cartella nella stessa directory da cui è stato lanciato.  Clicca su Browser e seleziona l’ISO precedentemente scaricata, inserisci una chiavetta formattata in FAT16 o FAT32, lo sono già tutte solitamente e clicca su Start.




Per metterlo su Cd o chiavetta insieme ad altri tool utili, puoi usare Sardu selezionando la relativa voce nella scheda Antivirus e mettendo l’ISO scaricata nella cartella ISO di Sardu.

Utilizzo
Una volta creato il cd o la chiavetta contenente il Rescue CD, inseriscila nel pc infetto, imposta il boot da CD o USB e segui le informazioni qui sotto.

2010-09-20_114338  2010-09-20_134453 

Attendi il caricamento dei componenti e premi un tasto quando richiesto

2010-09-20_1345062010-09-20_134514
Seleziona Italiano e batti Invio, poi seleziona Kaspersky Rescue Disk Modalità grafica e batti ancora Invio

2010-09-20_135328 2010-09-20_141422
Premi A per accettare le condizioni. Se il pc non si fosse spento correttamente, e quindi il disco non è stato “smontato” correttamente, riavvialo e spegnilo correttamente (consigliato) oppure clicca su Continua

.2010-09-20_141755 2010-09-20_143013
Al termine del caricamento di tutti i componenti, clicca sulla scheda Aggiornamento e su Avvia aggiornamento. Quando l’aggiornamento sarà completato e le firma saranno aggiornate all’ultima definizione l’indicatore rotondo diventerà verde. Se ci sono problemi di rete vedi in fondo al post per le configurazioni della rete.
Se nemmeno impostando manualmente i parametri l'aggiornamento va a buon fine vedi qui per l'aggiornamento manuale.

2010-09-20_143054  2010-09-20_143108
Se vuoi che sia fatta pulizia in automatico prima di scansionare clicca su Impostazioni in alto e seleziona Applica la seguente azione mettendo la spunta sia su Disinfetta che su Elimina se la disinfezione fallisce.

 2010-09-20_150839 2010-09-20_150846
Se la scansione si dovesse bloccare o non termini nel giro di qualche ora, stoppala e nelle Impostazioni metti la spunta su Ignora file analizzati per più di 30 sec. e nelle Avanzate metti la spunta su Non decomprimere i file composti molto grandi.  A questo punto clicca sulla scheda Scansione personalizzata e avvia la scansione. Se hai collegato dischi o chiavette potenzialmente dannose selezionale tra le unità da scansionare mettendo la spunta davanti alla lettera assegnata.

2010-09-20_154159 2010-09-20_152813
Il termine della scansione sarà evidenziato dalla dicitura Processo completato e se non avevi usato le impostazioni di pulizia automatica si presenteranno delle finestrelle in cui scegliere cosa fare dei file infetti trovati. Ove possibile utilizza la disinfezione, altrimenti procedi con l’eliminazione. Se i file dovessero essere molti metti la spunta su Applica a tutti gli oggetti. Ora non ti resta che salvare l’esito della scansione in un file da mostrare ad un esperto/ forum di assistenza o qui sul blog. Clicca quindi su Rapporto in alto.

 2010-09-20_154211 2010-09-20_154228
Clicca su Rapporto dettagliato, espandi se vuoi la riga del rapporto per leggerne il contenuto ed infine clicca su Salva.

 2010-09-20_154318 2010-09-20_150930
Esplora il disco fino a raggiungere C: in cui dovresti riconoscere le cartelle del tuo pc, digita il nome del log e clicca su Save. Clicca sulla freccia in basso a sinistra e poi su Arresta il computer.

Funzionalità extra
Rispetto alla precedente versione ci sono delle interessanti novità disponibili sotto in menù attivabile dalla freccia in basso a sinistra.
Kaspersky Rescue Disk avvia lo scanner che parte già in automatico.
File manager apre un comodissimo “Esplora Risorse” per poter salvare dati su altri dischi, cancellare file manualmente etc..
Browser Web come dice il comando, apre un browser internet per poter rimanere in contatto con chi ci sta prestando assistenza, per esempio, oppure per cercare informazioni su qualche file dubbio.
Terminale apre un prompt per la riga di comando di linux
Schermata salva lo screenshot di quello che si sta vedendo a monitor e lo salva nella cartella C:\Kaspersky Rescue Disk xx.x
Configura rete avvia il menù di configurazione delle schede di rete, da usare quando il servizio DHCP, avviato di default non riuscisse a funzionare correttamente o nel caso non sia attivo sul router della tua rete.

2010-09-20_151156 2010-09-20_151003 
Esempio del Browser Web e del File manager integrato. Il proprio disco C: è solitamente localizzato sotto /discs/C:

rete
Queste sono le finestra per configurare la rete, se nella configurazione TCP/IP lasci tutto vuoto viete mantenuto il DHCP attivato.
















Altri comandi utili
Se vuoi copiare dei dati su una periferica USB inserita dopo l'avvio del cd devi "montarla" da terminale.
Avvia quindi il Terminale e poi digita in sequenza battendo invio al termine di ogni riga.

modprobe usb-storage
mkdir /mnt/driveusb
mount /dev/sda1 /mnt/driveusb

dove driveusb è la cartella in cui "montare il drive"e sda1 è l'indirizzo del dispositivo che potrebbe essere sda2 e via dicendo in caso di più periferiche usb